Recensione: La luce alla finestra di Lucinda Riley

15:30


copertina    


Titolo: La luce alla finestra
Autore: Lucinda Riley
Editore: Giunti
Pagine: 528
Prezzo: €14,00

TRAMA: Émilie de la Martinières ha sempre subito il giudizio di sua madre, regina indiscussa della scena mondana parigina. Ora ha trent'anni, ma la freddezza mascherata dal lusso e dagli agi con cui quella donna superficiale e distante l'ha cresciuta è un fardello ancora pesante da portare. L'improvvisa notizia della sua morte, tuttavia, risveglia in Émilie un groviglio di sentimenti contrastanti e dolorosi, soprattutto quando apprende di essere l'unica erede di un sontuoso castello nel Sud della Francia, un castello che nasconde le risposte a molti degli interrogativi che pendono sul suo passato: sarà un vecchio taccuino ritrovato tra quelle mura a metterla sulle tracce della misteriosa e bellissima zia Sophia, la cui tragica storia d’amore ai tempi della guerra ha segnato irrimediabilmente la sua famiglia. E perché all'improvviso continua a pensare a un uomo che ha appena conosciuto, proprio lei che si è sempre tenuta lontana dall'amore?


LA MIA OPINIONE:

Questo libro narra la storia di
Émile, una giovane donna francese che alla morte di sua madra nel 1999 si trova sulle spalle il peso di una grande eredità ma anche molti debiti.
Tuttavia, la protagonista di questa storia non è soltanto Émilie, ma anche l'inglese Constance, che durante la seconda guerra mondiale venne mandata in Francia dalla SOE (Esecutivo Operazioni Speciali) come agente segreto.
original cover  
Come è possibile che due donne sconosciute, con vite così diverse, e vissute in periodi differenti, possano condividere il ruolo principale in questo romanzo?

La risposta a questa domanda ci viene fornita grazie ad una "storia dentro la storia", o story within the story, come direbbero gli inglesi. Le vicende che riguardano Constance vengono infatti narrate da Jaques, un anziano che da sempre si occupa, insieme al figlio Jean, della produzione di vini per conto della famiglia di Émilie. Non mi soffermerò ulteriormente per evitare spoiler, ma sappiate che la Riley gestisce questo metodo di scrittura in modo magnifico e molto logico, senza renderlo pesante o lasciare elementi in sospeso fra passato-presente.

Questo è il secondo romanzo che leggo di Lucinda Riley dopo "Il giardino degli incontri segreti", e poiché quest'ultimo mi era piaciuto molto, avevo aspettative abbastanza alte su La luce alla finestra. La prima parte del libro non sembrava però soddisfarle, infatti nonostante la lettura fosse piacevole, era un po' lenta. La seconda parte invece ha fatto alzare decisamente il voto complessivo del romanzo.

Insomma, La luce alla finestra è un romanzo che ho apprezzato molto, e se per caso anche voi avete già letto "Il giardino degli incontri segreti", il suo libro più famoso, vi consiglio davvero di dare una possibilità anche a questo.



Voto:
 

Voi avete letto questo libro o avete intenzione di farlo? Fatemi sapere, a presto!

Silvia.

You Might Also Like

0 commenti

Like us on Facebook

Awards

Collaboro con